Piano d’emergenza

HomeSicurezza sul LavoroPiano d’emergenza
La sicurezza aziendale è un obbligatorio ai sensi del D.lgs 81/08 e s.m.i.
Offriamo consulenza per la tua società analizzando i fattori di rischio presenti sul luogo di lavoro.
Il Piano di emergenza è un documento che contiene le operazioni da mettere in atto in caso di emergenza e viene configurato con l’applicazione di procedure per la gestione delle emergenze sia interne al luogo di lavoro che esterne, ovvero le operazioni da porre in essere per affrontare con prontezza le situazioni a rischio accidentali e non prevedibili 

 

OBBLIGO DI REDAZIONE

L’adozione del piano di emergenza ed evacuazione è un obbligo sancito dalla legge per le seguenti tipologie di azienda:

  • attività produttive che occupano 10 o più dipendenti;
  • aziende in cui si svolgono attività soggette al controllo dei Vigili del fuoco (DPR 151/2011)

I contenuti del piano di emergenza sono stabiliti all’Allegato VIII del DM 10 marzo 1998 che afferma letteralmente che i fattori da tenere conto nella sua stesura sono:

  • le caratteristiche dei luoghi con particolare riferimento alle vie di esodo;
  • il sistema di rivelazione e di allarme incendio;
  • il numero delle persone presenti e la loro ubicazione;
  • i lavoratori esposti a rischi particolari;
  • il numero di addetti all’attuazione ed al controllo del piano nonchè all’assistenza per l’evacuazione (addetti alla gestione delle emergenze);
  • il livello di informazione e formazione fornito ai lavoratori.
  • i doveri del personale di servizio incaricato di svolgere specifiche mansioni con riferimento alla sicurezza antincendio;
  • i doveri del personale cui sono affidate particolari responsabilità in caso di incendio;
  • i provvedimenti necessari per assicurare che tutto il personale sia informato sulle procedure da attuare;
  • le specifiche misure da porre in atto nei confronti dei lavoratori esposti a rischi particolari;
  • le specifiche misure per le aree ad elevato rischio di incendio;
  • le procedure per la chiamata dei vigili del fuoco, per informarli al loro arrivo e per fornire la necessaria assistenza durante l’intervento.

inoltre bisogna indicare delle misure specifiche per l’evacuazione dei disabili, una planimetria dell’edificio, e l’esatto punto di raccolta all’esterno.

Prove di evacuazione

Nei luoghi di lavoro ove, ai sensi dell’art. 5 del D.M. 10/03/98, ricorre l’obbligo della redazione del piano di emergenza connesso con la valutazione dei rischi, i lavoratori devono partecipare ad esercitazioni antincendio, effettuate almeno una volta l’anno, per mettere in pratica le procedure di esodo e di primo intervento.

La prova di evacuazione ha l’obiettivo di simulare una situazione di emergenza, durante la quale verrà effettuata l’evacuazione dell’edificio percorrendo le vie di fuga. Lo scopo è la familiarizzazione con un’eventuale situazione di emergenza. E’ prevista una riunione iniziale con i lavoratori e con gli addetti alle emergenze per la pianificazione della prova di evacuazione; la simulazione della procedura di allarme; la riunione finale per resoconto simulazione.

Al termine della prova dovrà essere predisposto un verbale di avvenuta prova di evacuazione.

In caso di inadempimento, il datore di lavoro è punibile con arresto da 2 a 4 mesi o ammenda da € 1.200 a € 5.200.

PLANIMETRIE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

Ai sensi del DM 10/03/98 nei luoghi di lavoro in cui vige l’obbligo di predisporre il piano di emergenza, oltre ad effettuare le prove di evacuazione, dovrà essere predisposta le planimetria di emergenza ed evacuazione 

La planimetria deve riportare:

  • l’ubicazione degli allarmi e della centrale di controllo;
  • il tipo, numero ed ubicazione delle attrezzature ed impianti di estinzione;
  • l’ubicazione dell’interruttore generale dell’alimentazione elettrica, delle valvole di intercettazione delle adduzioni idriche, del gas e di altri fluidi combustibili.
  • le caratteristiche distributive del luogo, con particolare riferimento alla destinazione delle varie aree, alle vie di esodo ed alla compartimentazione antincendio.

Se vuoi essere certo di redigere il Piano di Emergenza ed Evacuazione nel modo corretto – e conforme alle norme di legge – non esitare a contattarci per richiedere la consulenza di un nostro professionista.

Per maggiori informazioni contattaci


    Consenso al trattamento dei dati per finalità di marketing come indicato nel relativo paragrafo dell'informativa privacy):
    AcconsentoNon acconsento