PREPOSTO


Secondo l'Accordo Stato Regioni in vigore dal 26 gennaio 2012 l'obiettivo della formazione dei preposti è fornire loro le giuste competenze sui rischi e metodi ritenuti indispensabili per risolvere le problematiche connesse alla gestione della sicurezza e salute sul lavoro.

Il percorso di formazione sulla sicurezza della figura del  preposto, prevede le medesime condizioni di quello per i lavoratori, (quindi, “parte generale” e “parte specifica”, quest’ultima variabile in funzione del settore ATECO aziendale), e una “formazione particolare aggiuntiva" sulla sicurezza per preposti della durata di 8 ore. 

 Oltre ai percorsi formativi sulla sicurezza sopra citati, l'Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 prevede che i Preposti frequentino corsi di aggiornamento periodici, per almeno 6 ore di formazione sulla sicurezza ogni 5 anni.

 --------------------------------------------------------------------------------------------------

I principali argomenti del corso di formazione riguardano i soggetti coinvolti e i relativi obblighi, la definizione individuazione e valutazione dei fattori di rischio e infine l’individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali per prevenirli.

 CHI E’?

Il preposto è la persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa.   

 PRINCIPI PER IDENTIFICARE IL PREPOSTO:

  • la specializzazione
  • la competenza
  • l’ambito di discrezionalità
  • la posizione gerarchica

 

Il preposto non ha il compito di adottare le necessarie misure di prevenzione, ma di fare osservare quelle che sono state disposte da altri (datori di lavoro e dirigenti). 

Ha il compito di controllare che il comportamento dei lavoratori, a causa di imprudenza o negligenza, possa provocare danni a sè o ad altri.

 

Il ruolo del Preposto nella prevenzione degli infortuni sul lavoro

 

  • Il Preposto deve assumersi interamente la responsabilità della sicurezza dei propri colleghi, perché se così non fosse egli perderebbe una parte dei suoi diritti e trascurerebbe il più importante dei suoi compiti.
  • Dato che la sicurezza deve affermarsi su basi personali, il mezzo migliore per eliminare o prevenire atti lavorativi pericolosi è il coinvolgimento diretto dei lavoratori stessi; pertanto il capo/Preposto occupa una migliore posizione rispetto al Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP).
  • l capo/Preposto è infatti la persona più indicata per controllare lavoratori, macchine e metodi di lavoro quotidianamente e per l’intera durata del lavoro, svolgendo conseguentemente un’azione diretta e consapevole in quanto trattasi di persona competente (conosce il ciclo produttivo non solo in modo teorico ma anche sotto il profilo operativo).
  • I lavoratori non dovrebbero avere a che fare con capi/Preposti che in prima persona non rispettano le norme per le quali loro stessi dovrebbero fungere da esempio.

 

.